30.8.09

WILLIAM JAMES SIDIS - L'UOMO PIU' INTELLIGENTE MAI ESISTITO

·

Chi fu William James Sidis?



Semplicemente l'uomo più intelligente mai esistito.
Sidis, nato il 1 aprile del 1898, mostrò il suo genio precocemente:
a sei mesi disse la sua prima parola, a un anno parlava correttamente l'inglese,
a 18 mesi leggeva il New York Times, a tre anni comincio ad esprimersi per iscritto usando una macchina da scrivere poggiata sul seggiolone, a 4 anni parlava il latino e inizio a studiare il greco per leggere Omero in originale, a sei anni imparò la logica aristotelica e sapeva parlare il russo, il francese, il tedesco, l'ebraico; presto imparò anche il turco e l'armeno.
A otto anni mostrava capacità matematiche superiori a quelle del padre, già considerato un genio; riusciva inoltre a ricordare istantaneamente tutto ciò che leggeva; a questa età aveva scritto quattro libri, dei quali uno di anatomia e uno di astronomia, che sono andati perduti. Sempre in quel periodo superò l'esame di ammissione ad Harvard, ma solo una volta compiuto undici anni ha potuto iniziare a seguire i corsi.
Fu comunque il più giovane studente di quella università dove Il 18 giugno 1914 ottiene la laurea in lettere cum laude, a sedici anni. A questo punto dichiara di voler intraprendere la "vita perfetta", cioè una vita ritirata dedicata allo studio e alla conoscenza.
Dopo la laurea, inizia ad insegnare in tre corsi: Geometria euclidea, Geometria non-euclidea e trigonometria scrivendo in greco una dispensa per il corso di geometria euclidea.
Da notare che era laureato in lettere.
Abbandonato l'ambiente accademico, si butta in quello politico, partecipando a manifestazioni a favore dei lavoratori e durante una di queste fu arrestato.
Al processo dichiarò di essere socialista obiettore di coscienza e di non credere in un Dio.

Il padre un psichiatra molto quotato, lo rinchiude in una sua clinica per un anno, dopo di
questo i legami di Sidis con il genitore gia molto tesi verranno a rompersi.
Sidis finalmente libero dell'influenze paterne, riuscirà a mettere in atto il suo piano,
una vita anonima e comoda, lontana dai riflettori e dalla fama,
diventa un impiegato,- alcuni dicono un custode -, e rimarrà nell'anonimato fino alla sua morte, in solitudine, nel ‘44 per emorragia cerebrale a soli 46 anni.
Si dice che aveva amici, che riusciva a risolvere le parole crociate a mente dopo averle viste solo per pochi secondi, che parlava 40 lingue e che fosse capace di impararne una nuova in 3 giorni.
Dopo la sua morte, trent'anni dopo, furono ritrovate diverse opere in soffitte e case di amici, un romanzo di fantascienza, 89 articoli scritti sotto pseudonimo su Boston e i frontespizi di opere ancora non ritrovate. In una delle opere venute alla luce, "Mondo animato e mondo inanimato", Sidis anticipa (nel 1920) il concetto di "buco nero".
Ma a alla fin fine, il suo genio è servito a qualcosa? a qualcuno?
La prima parte della sua vita l'ha passata a studiare, lui schivo e riservato sempre sotto le luci dei riflettori e analizzato per volere del padre egocentrico, poi è stato un periodo "felice" mentre dava il suo contributo alla società nell'anonimato, contributo poi andato perso, e quindi inutilizzato.
Sidis, l'estremo esempio dell'essere intelligenti, non ha mai avuto vita facile, e possiamo dire non sia stato granché facilitato dal suo dono.
Quindi l'intelligenza non può essere ciò che ci distingue come uomini da tutto il resto e ci elevi all' essere "di più", infatti si può facilmente notare come gli idioti, spesso, siano più felici.

[via]

4 LASCIA IL TUO COMMENTO!:

Anonimo ha detto...
4 giugno 2011 13:01  

Wow.. bell'articolo!!

ReFiloscio ha detto...
7 settembre 2011 18:10  

Mettere almeno un link del blog da cui ti sei copiato l'articolo ti pare brutto?

http://refiloscio.blogspot.com/2009/02/william-james-sidis.html

Anonimo ha detto...
12 settembre 2012 14:02  

anlfabeta hai commesso un macello di errori!!!!!!!!!!!!

rolla ha detto...
12 settembre 2012 16:02  

Analfabeta con la "a".

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Casino online, l’ascesa del new business
Dagli esclusivi locali della Costa Azzurra alla mecca del gioco d’azzardo, Las Vegas, fino al nuovo millennio, dove è sufficiente un laptop/iphone e una connessione internet per sedersi e giocare online al casinò. Oggi vincere al gioco non è mai stato così facile. Leggi tutto...

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo E-mail:

..................................................